Bach. Variazioni Goldberg. Variatio 25

Data

October 01, 2016

Categoria

Bach at my side, Variazioni Goldberg

Descrizione

La Variazione 25 è la terza e ultima variazione in Sol minore; si tratta di un pezzo tripartito, marcato “adagio” nella copia di Bach, nel tempo di 3/4. La melodia è scritta predominantemente in semicrome e biscrome, con molti cromatismi. Questa variazione generalmente dura di più delle altre.

Wanda Landowska descrive questa come la “perla nera” delle Variazioni Goldberg. Peter Williams scrive che “la bellezza e la passione nera di questa variazione la rendono senza dubbio il punto alto dell’intera opera, dal punto di vista emotivo”, e Glenn Gould dice che “l’apparenza di questa nostalgica cantilena è un colpo da maestro di psicologia”. In un’intervista con Gould, Tim Page descrive questa variazione come un pezzo dalla “straordinaria tessitura cromatica”; Gould è d’accordo: “Non penso che ci sia un brano più ricco di relazioni enarmoniche, tra Gesualdo e Wagner.”

Secondo me, l’interpretazione di questa variazione è stata molto influenzata dal fatto che Bach è stato riscoperto nel periodo Romantico. Per questo motivo, e per il fatto che ci sia scritto “adagio” nella copia di Bach, la quasi totalità dei pianisti ha sempre eseguito questa variazione in un tempo molto lento. Tuttavia, le figure musicali che Bach ha utilizzato per comporre questo pezzo meraviglioso, consistono soprattutto in biscrome e semibiscrome. Sappiamo che Bach si prese il pensiero di chiedere al genero Altnikol di copiare il Preludio in Si bemolle minore BWV 893 del secondo libro del Clavicembalo Ben Temperato con semicrome, invece che con crome, perché desiderava un’esecuzione più rapida (vedi Hermann Keller, Il Clavicembalo Ben Temperato di Johann Sebastian Bach. L’opera e la sua interpretazione, Ed. Ricordi, Milano, 1994, p. 194.). Se Bach davvero avesse desiderato, per la Variazione 25, un’interpretazione così lenta, perché la scrisse con le figure musicali più rapide?
Penso che “Adagio”, più che un’indicazione di tempo, rappresenti qui l'”affetto”, l’attitudine con cui eseguire il brano. La mia interpretazione rispetta questa visione.